Un “Ile de France” italiana?

Tutti gli appassionati di architettura, archeoastronomia, misteri ecc… conoscono le famose cattedrali gotiche dell’Ile de France, le quali riproducono in terra l’immagine speculare della costellazione della Vergine.

cost.ver.francia.jpg

costellazione della Vergine (horizontal flip), in giallo schema delle cattedrali francesi.

La paternità della scoperta è dovuta a Louis Charpentier che, nel 1966, la pubblicò nel suo libro I misteri della cattedrale di Chartres. Caso unico al mondo fino al Novembre 2006, quando, studiando l’aerofotogrammetria della città di Randazzo, rilevai che unendo tra loro i punti corrispondenti alle chiese dedicate alla Vergine Maria e quelle dedicate a Santi molto cari ai Templari – edificate tra il XIII e il XIV secolo -, le stesse riproducono sul terreno, con grande approssimazione, l’asterisma della Vergine, proprio come le famose cattedrali francesi.

costellazione vergine 3.jpg

 

Chiese e costellaz..JPG

in blu chiese oggi non più esistenti la cui collocazione è certa e documentata

Pensando che le stesse non fossero state costruite a caso ma secondo un progetto unitario ben preciso, decisi di approfondire lo studio, constatando che le chiese non solo sono riconducibili ai Cavalieri Templari ma furono edificate seguendo precise regole geometriche, matematiche ed astronomiche, applicate dagli eruditi costruttori.
Questo studio ed altro è stato da me raccolto in un dattiloscritto inedito: “Randazzo segreta” che sto cercando di pubblicare. Tuttavia al momento, la cosa che mi sta più a cuore è rendere pubblica questa scoperta, il resto spero verrà dopo.
Saluti!
Angela

P.s. mi piacerebbe conoscere il Vostro pensiero su questa mia scoperta, in quanto la critica può essere costruttiva.

 

Un “Ile de France” italiana?ultima modifica: 2009-12-29T12:23:00+00:00da angela-militi
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in blog life, libri e fumetti, opinioni, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento