Randazzo Vecchio: liber mutus alchemico

Nell’ammirare i monumenti di una città, spesso, ci limitiamo alla loro estetica e/o alla loro storia superficiale trasmessaci dalle guide o dai libri.
Tuttavia, se ci si soffermassimo ad osservarli con un occhio più attento, scopriremo che tali monumenti possono nascondere intriganti segreti, come nel caso dell’enigmatico “Randazzo Vecchio”, che si erge imponente sul suo alto basamento in pietra lavica, dominando la piazza antistante la chiesa di San Nicola in Randazzo, il quale all’apparenza sembrerebbe una normale statua, ma, in realtà, questa scultura, emblema e memoria della storia della città, nasconde, come vedremo, un messaggio segreto, lasciato ben in vista, ma passato del tutto inosservato agli occhi profani.

Figura 1: Randazzo, Piazza San Nicolò

Il monumento, è sempre stato circondato da un alone di mistero legato all’identificazione del personaggio effigiato, molto dibattuta e non risolta, di cui ci siamo occupati in un nostro precedente lavoro (A proposito di Randazzo Vecchio (Rannazzu Vecchio), 2013), dell’avvenimento storico che ha determinato la sua erezione, nonché al suo significato, incomprensibile se non si entra in possesso della chiave adatta, ovvero della regola per decifrarlo o svelarlo.
Innanzitutto occorre ricordare che l’attuale statua è, in realtà, una copia, realizzata negli anni ’30 del 700, commissionata dall’abate Pietro Rotelli (†1765 agosto)[1], a sostituzione della statua originaria, in arenaria, risalente al XII secolo, i cui resti – un leone, un’aquila e un berretto frigio –, attualmente, si trovano murati sulla parete settentrionale della chiesa di San Nicola.

Resti Randazzo Vecchio Figura 2: Resti della vecchia statua in arenaria

Collocata dov’è oggi, nel 1746, essa, però, presenta alcune varianti iconografiche rispetto all’originale, tali da conferire alla statua un significato diverso rispetto a quello dato originariamente alla statua primitiva, poiché il leone, l’aquila e il berretto frigio (che i latini chiamavano pileus) sono emblemi legati al potere e alla regalità.

Resti leone

Particolare aquila

Berretto frigio

       Figura 3: Il leone                                       Figura 4: L’aquila                             Figura 5: Il berretto frigio

Per poter comprendere il significato della “nuova” statua occorre, prima di tutto, considerare il periodo storico in cui essa fu realizzata.
Il XVIII secolo, che la storia letteraria e filosofica definisce «secolo dei lumi», fu un secolo in cui l’astrologia, l’esoterismo e l’alchimia (Ars Regia) suscitavano ancora grande fascino e interesse negli artisti e nei committenti (sopratutto nobili ed ecclesiastici) del tempo.
E proprio l’alchimia sembra essere una delle possibili chiavi di lettura, poiché rinveniamo una simbolica che riconduce alla Magnum Opus, che non possiamo ignorare.
L’alchimia è una scienza esoterica antichissima e universale, in cui la metallurgia, la chimica, la fisica, l’astrologia, la medicina e il misticismo si sono fuse per formare una scuola di pensiero. Uno dei più ardui obiettivi degli Alchimisti era conquistare l’onniscienza, ovvero raggiungere il massimo della conoscenza in tutti i campi della scienza, rappresentato dalla Pietra Filosofale o Quintessenza, il principio capace di rivelare i segreti dell’esistenza e della materia. Essa era disciplina solo per pochi Eletti, pertanto gli alchimisti (“Filosofi”) cercavano di nascondersi e utilizzavano varie allegorie e simboli per criptare il messaggio ermetico.

Blasone dell'Arte reale 2 Figura 6: Blasone dell’Arte Regia

Ma veniamo al significato nascosto della statua.

DSC01877 Figura 7: Randazzo Vecchio

Essa, raffigura un uomo maturo nudo. Nella simbologia alchemica esso rappresenta la “materia prima”, la materia grezza da trasformare.
La figura virile è accompagnata da 4 animali: un leone, due serpenti e un’aquila che rappresentano i 4 elementi: fuoco (leone), aria (aquila), terra e acqua (i due serpenti), i principi fondamentali della vita e in alchimia indispensabili per creare la Pietra Filosofale.
Ai piedi dell’uomo si trova un leone. In alchimia il leone verde simboleggia l’inizio dell’Opera. Esso è inteso come solvente e acido che tutto corrode con un Fuoco Segreto, ovvero un potente elemento in grado di produrre la trasmutazione.

particolare del leone Figura 8:Particolare del leone che sta ai suoi piedi

Intorno alle gambe si attorcigliano due serpenti che simboleggiano lo zolfo, principio dell’infiammabilità, e il mercurio, principio metallico della instabilità, che mescolati alla “materia prima” e scaldati nell’Athanor[2] si trasformano gradualmente, passando attraverso tre fasi – Nigredo, Albedo e Rubedo – in Pietra Filosofale. Un serpente si avvolge intorno alla gamba destra sino a quasi all’altezza dell’ombelico, sede dell’essenza vitale, in alchimia simbolo del fuoco; l’altro, una vipera[3], si avvolge intorno alla gamba sinistra e striscia sino al cuore, sede della Coscienza spirituale.

Particolare serpenti Figura 9: Particolare dei due serpenti

Un’aquila, con gli artigli posati sulle spalle, poggia il suo rostro sulla testa dell’uomo, sede della Coscienza psichica. In alchimia l’aquila allude alla materia dopo la sublimazione e il raggiungimento della Pietra Filosofale.

DSC01199 Figura 10:Particolare dell’aquila

La statua, quindi, nasconde il percorso iniziatico dell’Adepto, comprensibile soltanto ad un piccola élite di iniziati.
A tale proposito sorge spontanea una domanda: gli “Iniziati” appartenevano alla sfera ecclesiastica, come l’abate Rotelli, considerato che Randazzo Vecchio puntava l’indice[4] verso la chiesa?

Randazzo vecchio foto de roberto
Figura 11: Randazzo Vecchio in una foto, degli inizi del Novecento, del De Roberto

Va ricordato che nel corso della storia numerosi sono stati gli ecclesiastici, per lo più francescani e domenicani, che si sono dedicati allo studio dell’alchimia, tra essi Bonaventura da Iseo (†1250?), frate francescano, Tommaso D’Aquino (1225-1274), frate domenicano, Alberto Magno (†1280), vescovo, Ruggero Bacone (1214-1294), frate francescano, Raimondo Lullo (1232-1316), Terziario francescano, Athanasius Kircher (1602-1680), gesuita.

DSC05093

07_Alberto_Magno

Roger-bacon-statue

800px-Ramon_Llull

Athanasius_Kircher

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 12: Tommaso d’Aquino. Particolare. Randazzo, Chiesa di San Nicola
Figura 13: Alberto Magno in un affresco di Tommaso da Modena.Treviso, ex convento di San Niccolò, Sala del Capitolo, 1352
Figura 14: Statua di Ruggero Bacone. Museo dell’Università di Oxford
Figura 15: Raimondo Lullo
Figura 16: Athanasius Kircher

NOTE

[1] Protonotario Apostolico e «Procom.rij Ord. rij Subdelegati SS. mae Cruciatae de hac Randatij Civitate». Fiore F.-Lipari G., Le edizioni del XVII secolo della Provincia dei Cappuccini di Messina, Messina, Sicania, 2003, Vol. I: La biblioteca Provinciale, Tomo III, p. 1386.
[2] In alchimia, l’Athanor è un forno utilizzato per fornire un calore uniforme e costante per la digestione alchemica.
[3] La carne di vipera femmina era impiegata nella preparazione della Teriaca, il leggendario farmaco che nell’immaginario alchemico rappresentava un alter ego dell’Elixir Vitae.
[4] Il braccio destro della statua si staccò durante i bombardamenti del 1943, e, fino ad oggi, vani sono risultati i tentativi di ripristinarlo.

FONTI BIBLIOGRAFICHE

BARCHUSEN J. C., Elementa chemiae, quibus subjuncta est confectura lapidis philosophici imaginibus repraesentata, Lugduni Batavorum, 1718.

BATFROI S., La via dell’alchimia cristiana, traduzione dal francese di Pasquale Faccia, Roma, Edizioni Arkeios, 2007.

CALIFANO S., Storia dell’alchimia. Misticismo ed esoterismo all’origine della chimica moderna, seconda edizione rivista e ampliata, Firenze, University press, 2016.

CANSELIET E., L’alchimia simbolismo ermetico e pratica filosofale, traduzione di Paolo Lucarelli, Roma Edizioni Mediterranee, 1996.

GEBELEIN H., Iniziazione all’alchimia, traduzione di Silvia Candida, Roma, Edizioni Mediterranee, 2006.

FONTI INTERNET

MILITI A., A proposito di Randazzo Vecchio (Rannazzu Vecchiu), 2013,
<http://randazzosegreta.myblog.it/2013/06/06/a-proposito-di-randazzo-vecchio-rannazzu-vecchiu/>, agg. 2017.

FONTI DELLE ILLUSTRAZIONI

Le fotografie e le illustrazioni riprodotte nell’articolo, quando non specificato diversamente, sono state eseguite dall’autrice.

Figura 6: Blasone dell’Arte Regia tratto da: Barchusen J. C., Elementa chemiae, quibus subjuncta est confectura lapidis philosophici imaginibus repraesentata, Lugduni Batavorum, 1718, Partis Tertiae: Alchimia vel Chrysopoeia, tavola 4.

Figura 11: Randazzo Vecchio in una foto, degli inizi del Novecento, del De Roberto, tratta da: De Roberto F., Randazzo e la Valle dell’Alcantara, Bergamo, Istituto Italiano d’Arti Grafiche Editore, 1909, p. 84.

Figura 13: Alberto Magno in un affresco di Tommaso da Modena.Treviso, ex convento di San Niccolò, Sala del Capitolo, 1352 tratto da: <https://it.wikipedia.org/wiki/Alberto_Magno#/media/File:07_Alberto_Magno.jpg>, agg. 2017.

Figura 14: Statua di Ruggero Bacone. Museo dell’Università di Oxford tratta da: <https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Bacone#/media/File:Roger-bacon-statue.jpg>, agg. 2017.

Figura 15: Raimondo Lullo tratto da: <https://it.wikipedia.org/wiki/Raimondo_Lullo#/media/File:Ramon_Llull.jpg>, agg. 2017.

Figura 16: Athanasius Kircher trato da: <https://it.wikipedia.org/wiki/Athanasius_Kircher#/media/File:Athanasius_Kircher.jpg>, agg. 2017.

Randazzo Vecchio: liber mutus alchemicoultima modifica: 2017-10-22T10:32:26+00:00da angela-militi
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in blog life, libri e fumetti, opinioni, Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento