Randazzo vista da Federico De Roberto

Questa galleria contiene 50 foto.

De Roberto F., Randazzo e la Valle dell’Alcantara, Bergamo, Istituto Italiano d’Arti Grafiche Editore, 1909.  

Altre gallerie | Commenti disabilitati su Randazzo vista da Federico De Roberto

Un volto misterioso

Spesso gli artisti, di ogni tempo, hanno celato figure, scritte, simboli e messaggi in codici, all’interno delle loro opere.

Ne è un esempio il famoso affresco di Giotto “Morte e Ascensione di San Francesco”, nella Basilica di San Francesco in Assisi, dove, nella ventesima scena della vita del Santo – raffigurante la morte di San Francesco –, Giotto, celò, nella parte alta di destra della nuvola, un volto satanico.

San Michele, Arcangelo, Misteri, Volti Misteriosi, Arte

Mentre, il Mantegna, nel suo “San Sebastiano” – conservato presso il Kunsthistorisches Museum di Vienna – inserì, sullo sfondo del cielo, una nuvola a forma di cavaliere su di un cavallo.

San Michele, Arcangelo, Misteri, Volti Misteriosi, Arte

All’interno della chiesa di San Nicola di Randazzo, è custodito un bel quadro raffigurante San Michele Arcangelo, di autore ignoto.

San Michele, Arcangelo, Misteri, Volti Misteriosi, Arte

L’Arcangelo è ritratto come un giovane guerriero alato (Archistratega, principe delle milizie celesti), sospeso su un cumolo di nuvole, con il corpo leggermente proteso in avanti, scruta le profondità infere che eruttano lingue di fuoco e getti di fumo. Esso, indossa una veste bianca – simbolo di purezza – con maniche corte ricamate su cui è posta la raffinata lorica, con accollatura quadrata, di colore blu cobalto – simbolo di giustizia –, con pteruges – su cosce e braccia –, contornata d’oro e decorata con phalerae. Il mantello color rosso – simbolo di nobiltà e coraggio –, fermato alle spalle con due fibule, scende lungo la schiena, si avvolge intorno ai fianchi e poi ricade lungo la gamba sinistra. Ai piedi reca eleganti calzari a mezza gamba; il capo è scoperto, i capelli biondi e fluenti. Nella mano destra impugna la spada, mentre con la sinistra sorregge una bilancia, con cui pesa le anime dei defunti (psicostasia o psicostasi).

Accanto la gamba sinistra di San Michele, parzialmente coperta dalle nuvole, s’intravede la figura a mezzo busto di una monaca, con velo e soggolo – che le cinge il collo – bianchi, mentre sotto la nuvola, su cui l’Arcangelo, poggia la punta del piede, si distingue la mano sinistra della religiosa, al cui dito indice porta un anello d’oro.

San Michele, Arcangelo, Misteri, Volti Misteriosi, Arte

Ma chi è la monaca ritratta nel dipinto dall’ignoto pittore. Si tratta forse di una santa,  oppure essa allude a una committenza femminile?

Certo, una cosa non esclude l’altra, in quanto spesso alcune sante, come Santa Caterina, venivano effigiate dai pittori, per rendere omaggio a committenti donne.

Tuttavia non si sa se il pittore abbia voluto alludere a una committenza femminile o abbia voluto effigiare una santa, ma a ben guardare quel volto – parziale – tra le nuvole, sembrano due scelte da escludere,  in quanto osservando con più attenzione la scena del dipinto, appare evidente che, il pittore abbia ritratto, in realtà, l’anima di una monaca (o badessa) che, sottoposta a giudizio al momento della morte, osserva il verdetto della sua pesatura; il piatto della bilancia, pende verso destra, pertanto l’anima della monaca è stata salvata, perché meritevole del perdono divino.

Lionardo Vigo, in occasione di un suo soggiorno in città, nel luglio del 1833, visitò il carcere della stessa e, in una missiva all’amico Ferdinando Malvica, raccontò: «E’ poco che si aperse una di quelle buche; vi si rinvenne incadaverita una monaca……forse imputata di sortilegio……Ma come morì? chiedeva nel mio raccapriccio al custode – se la scordarono forse;– forse! E si scorda vivo sepolto un’essere, il quale ha diritto alla vita quanto i malvagi stessi, che ivi lo chiusero…… ed ha grandi diritti alla pubblica compassione, perché era infelice!».

Si trattava, forse, della monaca del dipinto? La nostra badessa era una strega, per questo motivo fu giudicata da San Michele Arcangelo, dopo la sua morte?

Chi è la misteriosa badessa….qual’è la Vostra ipotesi?

FONTI BIBLIOGRAFICHE

GUIDI F., Il mestiere delle armi. Le forze armate dell’antica Roma, Milano, Oscar Mondadori, 2011.

VIGO L., Lettere di Lionardo Vigo a Ferdinando Malvica sopra una gita da Catania a Randazzo, in «Effemeridi scientifiche e letterarie per la Sicilia», Tomo X, Palermo 1834, p. 209.

FONTI INTERNET

Laboratorio d’Arte Cultor, Le immagini nascoste nei dipinti di Andrea Mantegna e di Giotto, <http://www.cultor.org/Mantegna/s.html >, agg. 2013.

Opere d’arti insolite. Opere misteriose, < https://antveral.wordpress. com/2012/06/10/3143/ >, agg. 2013.

Barletta D., Michele, un antico guerriero e santo, <http://www.clinicasanmichele.com/public/San%20Michele-dora%20barletta.pdf>, agg. 2013.

FONTI DELLE ILLUSTRAZIONI

Mantegna Andrea, San Sebastiano, Kunsthistorisches Museum di Vienna, tratto da: <http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/a/ac/MantegnaSebastian.jpg>, agg. 2013.

Giotto, Morte di San Francesco, Basilica Superiore di Assisi, tratto da: <http://it.wikipedia.org/wiki/File:Giotto_di_Bondone_-_Legend_of_St_Francis_-_20.
_Death_and_Ascension_of_St_Francis_-_WGA09146.jpg>, agg. 2013.

Ingrandimento volto satanico, tratto da: <http://www.cultor.org/Mantegna/s.html>, agg. 2013, riprodotta per gentile concessione della Cultor Comunicazione.

Pubblicato in Arte, Misteri | Contrassegnato , , , , , , | 1 commento

Consuetudini di Randazzo

Era il 26 ottobre del 1466, quando il viceré Lupum Ximenez d’Urrea approvava, per la prima volta, le Consuetudini di Randazzo, un sistema di norme civili – composte da 58 articoli – che regolavano la vita comunitaria della città. Le stesse furono redatte durante «un Consiglo generale in locu» e sottoposte allo stesso viceré per la conferma, il 6 giugno dello stesso anno, dal reverendo Jaymum de Citellis, arcipresbitero della terra di Randazzo e dal nobile Michaelem la Provina «sindicos et ambaxiatores universitatis terre Randacii»[1].
Le Consuetudini di Randazzo, come in tutte le altre città siciliane, rimasero in vigore fino al 1819, anno in cui fu promulgato il Codice per lo Regno delle due Sicilie. In particolare l’articolo 3 della legge del 21 maggio, emanata da Ferdinando I di Borbone (1751-1825), disponeva che: «Dal giorno indicato nel precedente articolo [1 settembre dell’anno] le leggi romane [cioè il diritto comune], le costituzioni, i capitoli del regno, le prammatiche, le sicule sanzioni, i reali dispaci, le lettere circolari, le consuetudini generali e locali, e tutte le altre disposizioni legislative cesseranno ne’ nostri dominj al di là del Faro di aver forza di legge nelle materie che formano oggetto delle disposizioni contenute nel mentovato codice per lo regno delle Due Sicilie»[2].
La prima, e unica, edizione del testo delle Consuetudini di Randazzo, fu curata da Vito La Mantia, giurista e storico italiano e stampata a Palermo presso lo Stabilimento Tipografico di A. Giannitrapani, nel 1903. Questo documento, prezioso testimone della memoria storica – stranamente mai menzionato dal reverendo Plumari –, fu rinvenuto, dal giurista, nel corso delle sue ricerche, in un volume della Regia Cancelleria, conservato presso l’Archivio di Stato di Palermo.
Oggi, questa edizione, è quasi introvabile e poche sono le biblioteche[3] che ne possiedono una copia e poiché essa, fornisce un prezioso contributo alla conoscenza della storia della nostra città, in quanto ci fa conoscere meglio i nostri avi e le leggi da loro enunciate per regolare il quieto vivere della comunità, ho deciso di condividere questo libro con tutti voi.

Buona lettura.

Consuetudini di Randazzo 01.pdf
Consuetudini di Randazzo 02.pdf

NOTE

[1] La Mantia V., Consuetudini di Randazzo, Palermo, 1903, p. 1.
[2] Codice per lo Regno delle Due Sicilie, Napoli, 1848, Parte Prima, p. 288.
[3] Biblioteca Regionale Universitaria di Catania; Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze; Biblioteca del Dipartimento di diritto privato e storia del diritto dell’Università degli studi di Milano; Biblioteca della Società napoletana di storia patria di Napoli; Biblioteca Centrale della Regione Siciliana Alberto Bombace di Palermo; Biblioteca Etnografica Giuseppe Pitré di Palermo; Biblioteca Statale del Monumento Nazionale di Grottaferrata (RM); Biblioteca di Studi Meridionali Giustino Fortunato di Roma; Biblioteca Centrale Giuridica di Roma; Biblioteca Universitaria di Sassari.

Pubblicato in Accadde oggi, Libri, Storia | Commenti disabilitati su Consuetudini di Randazzo

A proposito di Randazzo Vecchio (Rannazzu Vecchiu)

Come per incanto, riaffiora dai meandri della memoria una leggenda popolare su “Rannazzu Vecchiu” (Randazzo Vecchio) dimenticata per anni.

Questa leggenda, appartenente alla tradizione orale, rischiava di svanire dalla memoria randazzese se Giuseppe Pitrè, studioso di tradizioni popolari, non l’avesse raccolta e pubblicata nel 1907 in «Archivio per lo studio delle tradizioni popolari: rivista trimestrale».

È dopo essermi imbattuta in questa leggenda che è nata l’idea di questo lavoro di ricerca, di cui di seguito posto la prima parte, su questo enigmatico monumento.

A proposito di Randazzo Vecchio (Rannazzu Vecchiu). 

Buona lettura.

Pubblicato in Arte, Leggende, Storia | Contrassegnato , , , , , , , , , , | 2 commenti

Segnalazione ricerca sul convento dei Frati Minori Cappuccini di Randazzo

Buongiorno a tutti,

oggi desidero segnalarvi un interessante ricerca sul convento dei Frati Minori Cappuccini di Randazzo, a cura dell’Archivio Provinciale dei Frati Cappuccini di Messina, pubblicata il 24 aprile 2004, sul sito: http://www.fraticappuccinimessina.org/.

La ricerca http://www.fraticappuccinimessina.org/public/documenti/luoghi-randazzo.pdf, a mio avviso, costituisce un contributo fondamentale nello studio della nostra Città, in quanto presenta un notevole apparato documentario che integra e arricchisce la storia del convento dei Frati Minori Cappuccini.

Un riferimento importante per tutti coloro che intendono approfondire la storia dello stesso.

Buona lettura

Pubblicato in Religione, Storia | Contrassegnato , , , , , , | Commenti disabilitati su Segnalazione ricerca sul convento dei Frati Minori Cappuccini di Randazzo

Puntualizzazioni…..

Salve a tutti,

oggi mi sono imbattuta in due link che riportano entrambi lo stesso articolo.

Non voglio assolutamente entrare in merito alla tematica dell’articolo in se, ossia la manifestazione e la conseguente presentazione dei volumi, fatta in occasione della stessa. Tuttavia vorrei ribattere ad alcune affermazioni fatte dall’autore dell’articolo e lo faccio dal mio blog, visto che su entrambi i siti non è data facoltà.

 

Trovo giusto riportare testualmente l’affermazione che vorrei contestare:

 

“La manifestazione, sotto l’egida dell’Istituto per la Cultura Siciliana e dello stesso Comune di Randazzo, ha raccolto nella Sala Consiliare un pubblico di poco più di una cinquantina di persone.

Randazzo: una vetusta città le cui origini ed il cui nome si perdono nella notte dei tempi o, se preferite, nel buio del mistero. Esisteva al tempo di Roma; esisteva prima? Ci sarebbe tanto da scoprire: ma qui comincia a dilagare l’usanza di tuffarsi sul lavoro e le intuizioni di qualche altro, espropriandolo possibilmente anche di ogni merito. E sembrerebbe che la cittadinanza asseconda certi “vezzi”, quando addirittura non gioisce.

Capita così che una nutrita folla partecipa entusiasticamente ad una “conferenza”, nel corso della quale vengono presentate anche, come assoluta novità, “intuizioni e scoperte” già dette e scritte, che vengono presentate ardite teorie  che, ove accolte dal mondo scientifico, sarebbero più che una rivoluzione copernicana. Pensate che la similitudine delle figure geometriche o delle proiezioni (ortogonali)  delle costellazioni (sulla terra, come sembra facessero alcuni in tempi andati) non è più condizionata da uguaglianza degli angoli e rispetto dei rapporti delle distanza e dell’orientamento (all’epoca); ma dalla sussistenza e collocazione approssimativa di alcuni “punti”. E capita altresì che è numericamente modesta, come detto, l’affluenza alla “conferenza” su Canepa quando in essa vengono presentate verità e documenti, frutti di intenso lavoro e ricerca…”

 

1.     A tal proposito, invito questa persona a voler essere più preciso sulle “espropriazioni” fattegli.

2.     Quella che, sempre l’autorevole critico, definisce “conferenza”, per tanti e ancor più per me, è stata la presentazione di un libro, almeno che non si voglia essere poco realistici.   

3.     Continuando  con l’“importante” articolo, leggo che le Mie “intuizioni e scoperte” presentate come assolute novità, sono già state dette e scritte; gradirei sapere, da chi? Può, cortesemente, citarmi le pubblicazioni in merito?

4.     Nel mio libro non vengono presentate “ardite teorie” ma, semplicemente, è stata applicata una nuova chiave di lettura agli edifici, composta da un insieme di regole astronomiche, geometriche, matematiche e simboliche, patrimonio degli architetti medioevali; oggi ampiamente documentate da molteplici ricerche.   

5.     Vorrei ancora rimarcare, per l’ennesima volta, una nozione che mi sembra che a qualcuno sia poco chiara, ovvero, che la sottoscritta non ha mai detto, parlando delle chiese trattate nel suo libro, che le stesse riproducono in terra la proiezione ortogonale della Costellazione della Vergine, bensì si è sempre parlato di somiglianza e se, casualmente, è stata usata la parola similitudine, quest’ultima è da intendersi nel significato più ampio della parola stessa e non in quello più restrittivo (vedasi significato di similitudine in geometria) che sembra voler essere usato per forza, quasi a voler sottolineare a tutti i costi una infondatezza di quanto da me scritto.  

6.     Ultimo ma non ultimo, credo che nessuno possa arrogarsi il diritto di pronunciarsi sul fatto che una ricerca sia “frutti di intenso lavoro e ricerca”  rispetto ad un’altra; ogni ricerca, che la si condivida o meno, costa sacrifici e duro lavoro e, almeno per questo, va rispettata.

 

Tengo a precisare che la sottoscritta non ha mai cercato di distinguersi e non si è mai permessa di fare critiche distruttive sull’operato altrui, perché questo modus operandi risulta sgradevole ed anche offensivo. In una mia dichiarazione avevo detto che la cosa più giusta e costruttiva per Randazzo, sarebbe stata la collaborazione ma, viste le ultime novità, almeno con qualcuno non sarà mai possibile.

Cordialmente.

Angela 

http://www.lavocedellisola.it/2012/10/21/a-randazzo-67-anni-dopo-la-fine-di-antonio-canepa/

 

http://www.randazzomedievale.it/index.php?option=com_content&view=article&id=89&Itemid=190

Pubblicato in Sfoghi | 1 commento

Presentazione libro

Sabato 13 ottobre alle 17, presso la sala Consiliare del Comune di Randazzo, presenterò il mio libro Randazzo Segreta. Astronomia, Geometria Sacra e misteri tra le sue pietre, su iniziativa dell’Ordine Templare O.S.M.T.J. (Ordre Souverain et Militaire du Temple de Jérusalem). 

Interverranno il dott. Alberto Zampolli, Gran Maestro dell’Ordine, il dott. Franco Simeone, Precettore delle Terre del Sud, Elisabetta Cimino, Balivo per le Terre del Sud Italia, la dott.ssa Roberta Di Bella, direttore editoriale Tipheret.

Modererà l’incontro Bebbe Petrullo.

 

In occasione della presentazione sarà possibile acquistare il libro.

 

A tutti auguro il più cordiale benvenuto.

 

Pubblicato in Libri | 1 commento

Prossima pubblicazione

Salve a tutti,

sono felice di informarvi che tra qualche mese la casa editrice Tipheret, pubblicherà il mio saggio “Randazzo Segreta. Astronomia, Geometria Sacra e misteri tra le sue pietre”

http://www.wuz.it/libro-inarrivo/1332722/militi-angela/randazzo-segreta.html

Per qualsiasi informazione, mi tengo a disposizione al mio indirizzo e-mail.

Cordiali saluti.

Angela

 

Pubblicato in Libri | Commenti disabilitati su Prossima pubblicazione

Randazzo vista dal De Roberto (1907)

Questa galleria contiene 21 foto.

De Roberto F., La Sicilia ignorata: Randazzo, in «Emporium: rivista mensile illustrata d’arte, letteratura, scienze e varietà», Bergamo, vol. 26 (1907), n. 153, pp. 211-234. Clicca sull’immagine per ingrandirla.

Altre gallerie | Commenti disabilitati su Randazzo vista dal De Roberto (1907)

Randazzo negli scatti di R. Carta (1906)

Questa galleria contiene 9 foto.

Mauceri E., Sicilia ignota: Monumenti di Randazzo, in «L’Arte: rivista di storia dell’arte medievale e moderna», Roma, IX (1906), fasc. III, pp. 185-192. Le tredici fotografie di corredo all’articolo furono eseguite da R. Carta per incarico del R. Ministero della … Continua a leggere

Altre gallerie | Commenti disabilitati su Randazzo negli scatti di R. Carta (1906)