La donazione della baronessa de Quadro: “l’arma segreta” del clero di Santa Maria per conquistare l’egemonia religiosa?

“Frode è de l’uom proprio male”
Dante, Inf. XI, 25

Corre l’obbligo di precisare che questo breve contributo è l’anticipazione di uno studio più ampio e complesso, frutto di una lunga e paziente attività di ricerca, in corso di elaborazione e di prossima pubblicazione.

Il 15 maggio 1469, l’archimandrita Leonzio Crisafi pose fine o comunque una tregua all’annosa contesa che vedeva contrapposte le chiese di San Martino e San Nicola a quella di Santa Maria, circa l’esercizio giurisdizionale che ognuna vantava, pronunciando una piena equiparazione tra esse, stabilendo che ciascuna avrebbe esercitato a turno, per un anno, dal primo settembre al 31 agosto, il diritto di preminenza. Il 24 gennaio 1494, il viceré Ferdinando de Acuña emanò un’ulteriore approvazione dell’equiparazione.

La tregua tuttavia non durò a lungo: bastò una singolare quanto importante donazione a favore della chiesa di Santa Maria a minarla.

Il 5 marzo del 1507 la nobildonna Giovannella de Quadro, moglie del magnifico Pietro Rizzari, miles, per la propria anima e di quella di suo marito e dei suoi parenti, con il consenso e l’autorizzazione del coniuge, dona mediante una donazione irrevocabile inter vivos, alla chiesa di Santa Maria di Randazzo, e per essa al nobile Matteo de Longi, procuratore della stessa, i feudi Fraxini e Brieni siti nel territorio di Randazzo, riservando per sé e il marito l’usufrutto in vita e ponendo anche altre condizioni. L’instrumentum pubblico viene rogato in terra Randacii, dal notaio Hieronimus Curupeus, regius puplicus per totam vallem demonum regni sicilie notarii terre Savoce (“regio pubblico notaio per tutto il Valdemone e del regno di Sicilia e della terra di Savoca”), in presenza del giudice di Randazzo e di sette testimoni: il venerabile presbiter Philippus de Pulicio, il venerabile presbiter Micael lo Daynocto, il nobile Iohannes Thomasius Pullichino, il nobile Gullelmus de Modica, il magister Paulus Perchabosco, il magister Renaldus Intagla[1] e il magister Antonius Fassari.

Grazie a questa donazione la chiesa di Santa Maria amplia e consolida il proprio potere, assicurandosi così un’indiscussa egemonia economica sulle altre due chiese.

La donazione suscita notevoli perplessità e con queste i vecchi dissapori tornano a galla, facendo riaccendere, dopo la morte della baronessa, lotte, controversie e altresì vivacissime discussioni tra autorità ecclesiastiche e civili, che si protrarranno per diversi secoli.

Il documento originale di questa donazione, a meno di ulteriori rinvenimenti, è deperdito, e ci è pervenuta solamente una copia semplice cartacea incompleta (mancano, infatti, l’indicazione del nome del giudice, la sua sottoscrizione e quella dei sette testimoni), da me rinvenuta, e una copia autentica su pergamena, tràdita in forma di transunto, esemplata in forma pubblica il 19 marzo 1507 a Palermo dal notaio palermitano Giovanni Francesco Formaggio e sottoscritta dal giudice Geronimo de Maro e da cinque notai: Vincenzo de Sinatro, Antonio Taglianti, Lorenzo Vulpis, Vincenzo de Medicis e Antonio Giocomo de Lello. La completio, preceduta dal signum tabellionis del notaio autenticante Formahasu, è seguita da un’ulteriore nota, apposta il 20 marzo del 1507 dall’Università di Palermo, con la quale la stessa attesta che Iohannes Franciscus Formahasu è un notaio e si annuncia l’apposizione del sigillo, di cui è visibile solo un sottile strato di cera rossa, di forma rotonda.

Singolare, se non sospetto, risulta il fatto che anche il transunto non riporti la sottoscrizione del giudice che, dalla copia semplice, sappiamo esser stato presente alla stesura dell’atto. Ma ci sono altre incongruenze e contraddizioni che danno luogo a più di un interrogativo. Tuttavia, poiché in questa sede non posso approfondire il complesso argomento, mi limiterò ad esporre, in sintesi, l’elemento più ambiguo che ho ritenuto più rilevante e significativo, il quale, sommato agli altri aspetti, ha portato necessariamente a sollevare qualche legittimo dubbio sulla sincerità del documento, sospetti che hanno avuto la loro conferma definitiva con il rinvenimento dei testamenti di Gomes e Giovanni de Quadro, rispettivamente nonno e padre della nobildonna.

Nell’atto di donazione il notaio tiene a precisare che Giovannella «non ebbe né ha figli, né fratelli, né sorelle, né nipoti figli di fratelli o sorelle e successori in questi feudi», in realtà questa asserzione, viene smentita, almeno in parte, come vedremo, da alcuni documenti d’archivio inediti, dai quali sono emerse preziose e nuove notizie su Giovannella, sul padre Giovanni, sul nonno Gomes e sull’intero clan familiare. Essi hanno consentito di ricostruire non solo le vicende familiari ed economiche, ma anche l’intera genealogia dei de Quadro (Fig. 1), partendo dal capostipite Gomes, permettendoci così di inquadrare tutti i nuclei di parentela, a partire dai Filangeri, famiglia della mamma di Giovannella.

Fig. 1 Figura 1: Genealogia baronessa De Quadro (schema dell’autrice)

Gomes, nonno di Giovannella (di cui possediamo diversa documentazione inedita d’archivio), è figlio naturale di Giovanni Romano, barone della terra di Montalbano. Nel maggio del 1423 gli viene assegnata da Alfonso V il Magnanimo, per privilegium la castellania e capitania del castello e della terra di Mola di Taormina quamdiu vitam duxeritis in humanis (ovvero per tutta la vita), con salario e con tutti i consueti diritti e le rispettive prerogative, privilegi, onori ed emolumenti dovuti. Un anno dopo, Gonsalvo de Monroy mediante una donazione inter vivos, cede a Gomes i feudi Fraxini e Brieni. Circa due mesi dopo, il primo novembre, sposa Agata, figlia del nobile Giovanni Ramundo (Raimondi). Dalla loro unione nasce Giovanni. Gomes, il 25 agosto 1455, a Catania, sebbene ammalato e giacente a letto, ma nel pieno delle sue facoltà mentali e intellettuali ed in grado di parlare, detta le sue ultime volontà al notaio Nicola de Balsamo, assistito dal giudice Ximenius de Lixandricio e da sette testimoni: il nobile Giovanni de Aprea, legum doctor, frate Benedetto de Naro, priore del convento di Sant’Agostino, frate Antonio de Iacino, frate Agostino de lo Bordato, il presbiter Antonio de Ricio, il nobile Antonio de Aprea, e il magister Giovanni Canali Cardo. Gomes istituisce erede universale di tutti i suoi beni il figlio Giovanni con vincolo fedecommissario. Egli, infatti, al fine di salvaguardare il mantenimento del patrimonio feudale nell’ambito familiare, predispone un sistema di sostituzioni, con chiamata dei nipoti “ex filio”, sempre comunque preferendo il maschio alla femmina, il maggiore al minore, e il minore alle femmine anche se le stesse maggiori di età. Nella circostanza in cui i nipoti “ex filio” dovessero morire prematuramente, oppure senza lasciare eredi legittimi, il testatore ne stabilisce la loro sostituzione fino all’ultimo (usque ad ultimum) con omnes liberi et nepotes dicti testotoris (“tutti i figli e i nipoti del testatore”), quindi Gomes consente anche la possibilità di chiamare alla successione, in mancanza di discendenza legittima, eventuali figli illegittimi. Dal testamento apprendiamo che ha anche un figlio naturale, Giovannello.

Giovanni consolida la sua posizione contraendo un vantaggioso matrimonio (da cui ottiene una dote di oltre settecento onze) con Beatrice, figlia di Giovanna Pardo e di Francesco Filangeri, barone delle terre di San Marco, che lo renderà padre di tre figli: Giovannella, la primogenita, Giovanni Francesco (che si presume morto in tenera età, in quanto non nominato nel testamento di Giovanni) e la terzogenita Tucia. L’11 ottobre del 1486, Giovanni iacens infirmus in lecto nella sua casa di Catania, ma nel pieno delle sue facoltà mentali, detta il suo testamento nel timore che la morte, come spesso accade, possa sopraggiungere all’improvviso, poiché nihil certius morte nilque incertius hora ipsius mortis (“niente è più certo della morte ma niente vi è di più incerto della sua ora”). Egli nomina eredi universali di tutti i beni mobili ed immobili le due figlie Giovannella e Tucia, con la riserva tuttavia che vengano ottemperate sia le disposizioni testamentarie che le Constitutiones feudorum, pertanto Giovannella, alla morte del padre, erediterà i beni feudali, mentre a Tucia spetterà la dote de paragio. Dispone, altresì, per salvaguardare il patrimonio feudale, che nell’eventualità Giovannella dovesse morire in minore età, oppure senza aver procreato eredi legittimi, di sostituirla con Tucia. Dal documento quindi apprendiamo un importante notizia, ovvero che a quella data Giovannella e Tucia, sono minorenni. La condizione di minorità è confermata dal fatto che Giovanni nomina come tutore e curatore cum ampla potestate delle figlie e dei suoi beni, il conte di San Marco, Riccardo Filangeri, zio materno delle bambine. Dal documento emerge, altresì, che lo stesso affida al Filangeri il nipotino Comiso, prevedendo quattro onze l’anno sui redditi dei feudi per gli alimenti.

Di lì a breve, tuttavia, la morte colse anche Riccardo, che morirà nel 1488, e le due sorelle passano sotto la tutela della zia Eleonora, badessa del monastero di San Benedetto di Catania. Nel 1490 Giovannella, poco più che diciasettenne, con il consenso, l’autorità e la potestà della zia, stipula i capitoli matrimoniali con Pietro Rizzari, portando in dote diversi beni mobili in Randazzo e i feudi ereditati. Dunque, grazie a questo importante documento è possibile risalire con esattezza all’anno di nascita della baronessa: 1473. Rimasta vedova e senza figli, quasi alla soglia dei quarant’anni (1512), a breve distanza di tempo, decide di contrarre nuove nozze: da un atto notarile, rogato nel novembre del 1513, infatti, risulta già sposata con il nobile Andrea Santangelo, cittadino di Catania. Da questo importante documento apprendiamo che Giovannella considerans et attenditis ad pura affectionem dilectionem et amore maritalem dona, con il consenso dell’honorabilis Antonino Cariola suo mundualdo, mediante donazione irrevocabile inter vivos, i suoi feudi ad Andrea Santangelo suo caro et amato marito. Stranamente in esso non vi è alcun cenno alla precedente donazione alla chiesa di Santa Maria.

Tralascio, per ovvie ragioni di brevità, di accennare i successivi documenti d’archivio inediti; mi limito a dire che Tucia sposa il nobile Antonio de Carducho (Carducci), secreto di Troina, al quale, come risulta da un documento del 1520, Giovannella ed Andrea dovevano ancora venti onze, somma residua che i coniugi dovevano al cognato come completamento della dote di Tucia.

Alla luce di quanto detto sinora, non vi è alcun dubbio che Giovannella ha una sorella e che la stessa è ancora viva nel 1520, pertanto, il fatto che il notaio Curupeus dichiari, nell’atto di donazione alla chiesa, il contrario suscita parecchi dubbi sulla genuinità del documento, facendo insorgere il sospetto che possa trattarsi di un falso in forma autentica. D’altronde non è raro che le falsificazioni avvenivano attraverso la richiesta di copie autentiche di documenti falsi, che esibiti all’ignaro notaio, non disponendo degli attuali strumenti di analisi forniti dalla diplomatica e dalla paleografia, in buona fede, li autenticava.

IMG_7879 filigAvviandomi a concludere questo breve contributo, non posso non accennare al documento più controverso, ovvero l’iscrizione scolpita sul basamento del suo monumento funebre:

Vixit annos LXXXV / obiit vero die XV iulii / sesquichiliade quinteque / olympiadis anno / quarto

L’epitaffio si apre con l’indicazione dell’età di morte di Giovannella, 85 anni; dopo questa indicazione troviamo il giorno della sua morte, 15 luglio, introdotto da obiit vero, segue l’anno della sua morte espresso con una formula inusuale.

Considerato che la baronessa concluse la sua vita terrena il 15 luglio del 1529, all’età di 56 anni, non vi è dubbio che l’iscrizione sia da considerarsi fittizia.

In conclusione, dunque, è legittimo sospettare che proprio la lotta all’egemonia tra le tre chiese possa aver spinto in favore della creazione di un documento in base al quale la chiesa di Santa Maria, entrando in possesso dei feudi della baronessa, avrebbe potuto ottenere l’egemonia economica sulle altre due?

Nel licenziare questo breve contributo, rivolgo un sincero ringraziamento a padre Domenico Massimino, arciprete della chiesa di Santa Maria, che con magnanimità ha messo a mia disposizione, in questi anni di lunga ricerca, l’archivio della chiesa, e per avermi consentito gentilmente di visionare, fotografare e studiare la pergamena.
Ringrazio sentitamente padre Gabriele Aiola, parroco della chiesa di San Nicola, per avermi gentilmente concesso e favorito la consultazione dell’archivio parrocchiale.
Ringrazio per la disponibilità dimostrata tutto il personale degli Archivi di Stato di Palermo, Catania, e di quello dell’Archivo de la Corona de Aragón di Barcellona (Spagna).
Ringrazio tutti voi lettori che seguite sempre i miei studi. Grazie per la fiducia che mi avete concesso leggendo i miei lavori.

Ad maiora.

NOTE

[1] Nella copia autentica Iamagla.

Pubblicato in Indice dei contenuti, Storia | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Randazzo in una foto del settembre 1895

Randazzo immortalata in una foto scattata nel settembre del 1895, durante l’inaugurazione della ferrovia della Circumetnea.

1b8432941j_36

Recueil. Voyage de Raymond Poincaré en Sicile et en Campanie, f. 16v, gallica.bnf.fr / Bibliothèque nationale de France

Pubblicato in Indice dei contenuti, Storia | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Randazzo: una città speciale

In questi anni ho provato a raccontarvi una Randazzo diversa, misteriosa, affascinante, segreta.

Una città singolare con una storia millenaria, uno di quei luoghi ricco di fascino e sorprese. Una città dove ci sono almeno sette motivi che la rendono unica e speciale…

…è la città perfetta per il suo imprescindibile legame con il numero tre e i suoi multipli: Randazzo Ennea

…è la città prescelta dai Cavalieri Templari per la realizzazione di un singolare progetto:
una “Île de France” italiana

…è la città in cui è possibile ammirare uno dei rari esempi di chiesa lunistiziale: la chiesa di San Martino

…è la città che ha un palazzo trecentesco che cela un messaggio ermetico: Casa Lanza

…è la città in cui s’innalza il più bel campanile di Sicilia, che nasconde un messaggio segreto: il campanile di San Martino

…è la città che ha come simbolo una statua che nasconde antiche conoscenze esoteriche: la statua di “Rannazzu Vecchiu”

…è la città in cui un piccolo gioiello, un vero e proprio unicum, custodito dalla chiesa di Santa Maria è un capolavoro di emblematica sacra e di simbologia alchemica: il vecchio coro ligneo della chiesa.

Sette motivi che rendono Randazzo una città particolare, da vedere almeno una volta nella vita.

Pubblicato in Arte, Esoterismo, Indice dei contenuti, Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Un vecchio coro ligneo: uno dei tanti tesori di Randazzo

Può un vecchio coro ligneo essere considerato un tesoro? Certamente, se oltre a essere antico le decorazioni dei suoi pannelli si ispirano all’emblematica sacra e ai più riposti segreti dell’Arte Regia. Un’opera lignea inusuale, forse unica nel suo genere, in quanto non sembrano esistere altri esempi di tali emblemi riprodotti su arredi sacri.

Uno dei pezzi d’arte lignea più incredibili della città. Un’opera particolare che merita di essere maggiormente valorizzata e scoperta, dopo anni di oblio.

Questo video, pertanto, vuole essere un’occasione per richiamare l’attenzione dei Randazzesi e non solo, su questo piccolo gioiello custodito nella chiesa di Santa Maria.

Buona visione!!!

Pubblicato in Arte, Esoterismo, Indice dei contenuti, Religione | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

I tesori di Randazzo

Randazzo è una città da scoprire e da amare.
Buona visione.

Pubblicato in Architettura, Architettura sacra, Arte, Indice dei contenuti | Lascia un commento

Alberto Angela svela le “Meraviglie” di Randazzo

Sabato 25 gennaio l’ultima puntata della terza stagione del programma televisivo “ Meraviglie. La Penisola dei tesori”, in onda in prima serata su Rai Uno, popolare trasmissione che racconta e svela le meraviglie dello Stivale condotta da Alberto Angela con la regia di Gabriele Cipollitti e la fotografia di Enzo Calò, parlerà di Randazzo.

Le “meraviglie” di Randazzo sono tante, ma le riprese si sono concentrate sulla chiesa di Santa Maria e Via degli Archi.

Una importante e bella occasione per far scoprire agli Italiani e non solo, la nostra meravigliosa Città.

meraviglie

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

13-29 dicembre 1746: la visita generale di monsignor Tommaso Moncada, arcivescovo di Messina, nel “Libro rosso” della chiesa di San Nicola

Il 13 dicembre del 1746 giunse a Randazzo l’arcivescovo di Messina, monsignor Tommaso Moncada (fig. 1)[1], accompagnato da don Carlo Speciale e Basilotta [2], per compiervi la Visita Pastorale (visitatio pastoralis), nel corso della quale celebrò il rito della consacrazione della chiesa di San Martino (21 dicembre) e di quella di San Nicola (27 dicembre).

DSC09726 Figura 1: Randazzo, Canonica della chiesa di San Martino, Ritratto di monsignor Tommaso Moncada, Anonimo, olio su tela, XVIII sec.

Il resoconto completo di questa Visita si trova nel “Libro rosso” della chiesa di San Nicola[3]:

1746: Alli 13: di (dice)mbre giorno di Martedì, e della Gloriosa S(anta) Lucia / ad ’ ore 20:[4] capitò S(ua) E(ccellenza) R(everendissi)ma Arci(vesco)vo di Messina Fra Tommaso / de Moncada Domenicano Messinese Figlio del S(ignor) Principe / di Calvaruso, p(er) visita del suo governo; la mattina de’ 14: / giorno di mercoladì, venne nella ri(ve)r(end)a Chiesa di S(an) Nicolò per / la solita visita, e tenne chrisma, seguitò il Giovedì in San / Martino, ed il Vennerdì, in S(anta) Maria, il doppo pranzo tenne / ordinazione in minoribus in S(an) Bartolomeo, e la mattina 17. Sabbato / in Sacris in d(etta) S(an) Bartolomeo sendovi stati più di n(umero) 100: ord(inati) in / Sacris esteri, seguitò le solite visite; il giorno 20: (dice)mbre X I(ndizione) 46:[5] ad / ore 23: giorno di Martedì, dalla Chiesa Par(occhia)le di S(an) Martino si por/taro processionalm(ente) con tutto il clero delle tre Parocchie, e Monsig(ore) Arci/vescovo, e tre Canonici, cioè Decano D(on) Carlo Speciale, e Basilotta di / Nicosia che portava seco S(ua) E(ccelenza) R(everendissi)ma, D(on) Gaetano Galbato, e D(on) Giovanni / Costanzo Canonici di Tortorici, le reliquie de’ Gloriosi S(anti) Martiri S(an) / Placido, S(an) Sebastiano e S(an) Giorgio, (quale reliquia l’ebbe dal Mon(astero) di S(an) Giorgio / la divisata Parocchia) nella Ven(erabi)le Chiesa del Mon(astero) di S(an) Bartolomeo / dove stiedero tutta la Notte coll’assistenza de’ Sac(erdoti) cantandosi l’Offizio della / dedicazione, come fù dispenzato (per) tutti tal Offizio nel giorno di S(an) Tommaso; / la mattina 21: ben per tempo si portò Monsig(nore) nella predetta Par(occhia)le per far / la benedizione prescritta dal Pontificale d(i) Urbano 8°, e Clemente 8° di / felice memoria, e terminati, andò di nuovo processionalm(ente) a ripigliare / le soprascritte riliquie, e stando serrata la Chiesa doppo fatti tre giri / all’intorno della mede(si)ma si fermò innanzi la porta mag(giore) serrata, seco / tutto socchè prescrive il Pontificale, si disserrò la porta, e s’entrò nella chiesa, / seguitò la funzione, con avver posto nell’altare mag(giore) le riferite reliquie / e murato lui stesso la lapidetta, doppo celebrò la Messa, che terminò ad ’ ore 21: / sabbato 24: ad ’ ore 21: venne nella n(ost)ra Chiesa Madre e si cantò il / Vespro col Pontificale, la mattina 25 S(anto) Natale tenne il Pontificale // nella chiesa del Mon(astero) di [S(anta)] Catarina e cantò la Messa; il gio assistendo (per) Diacono / il Rev(erendissimo) Sig(nor) Arciprete (per) suddiacono l’Abb(ate) D(on) Pietro Parisi nostro can(onico) cappellano / Il giorno 26: (dice)mbre giorno del Glorioso Protomartire S(anto) Stefano principiò / alle ore 21: la funzione della Consacrazione della n(ost)ra Chiesa Madre di / S(an) Nicolò, con cinque Canonici, cioè il Decano Speciale, e quattro Can(onici) / di Sampiero sopra Patti Tesoriero D(on) Giovanni Busacca, D(on) Giuseppe Saita, / D(on) Vincenzo Gallo, e D(on) Filippo Spada, li quali portaro 4: Alunni, e due / rosserilli per assistere; collo stess’ordine prescritto si portaro le reliquie / de’ Gloriosi Martiri S(an) Biaggio, S(an) Sebastiano, e S(anto) Vito proprii della Chiesa, / nella Chiesa del Mon(astero) di S(anta) Catarina dove s’osservò della stessa forma; / la mattina Martedì giorno del Glorioso S(an) Giovanni Evangelista mio specialissimo avucato ad ’ ore 17. in circa, si portaro collo stesi ordine (si / anco dispenzato à tutti l’Offizio, e recitosi quello della Dedicazione, e / fù assignata la giornata di detta dedicazione pell’Offizio sotto li 11: Febraio / d’ogn’anno, giornata da me domandata a S(ua) E(ccelenza) R(everendissi)ma, e devonsi ogn’anno / acce(n)dere (per) ogni Croce una candela, e vi sono giorni 40: d’Indulgenze) / si seguitò la funzione, e terminò, ad ore 20: li 12 Croci furon onti col / Sagr’Oleo Crisma; tutto il piano della lapide dell’Altare Maggiore intiero / lavato con Sacri Olei Crisma è de’ Catecumini, quale devesi conservare con / gran venerazione; non acchianarsi di sopra nell’apparecchio della scalina, / o’ altro da farsi; sotto la prima lapidetta di marmo scritta, vi è un altra / lapidetta di marmo sotto la quale vi è il cassittino, il di fuori d’osso di tar/tarueca, il di dentro foderato di drappo di seta à color di perla; vi sono dentro le reliquie descritte, ed un puoco di grani d’Incenzo, con una parchimina[6] scritta / come siegue = MDCCXLVI die 27: M(ensis) (dece)mbris Ego Frat(ris) Tom(as) de Moncada / Archiep(iscop)us Messan(as) Consecravi Altare hoc in honorem S(ancti) Nicolai / et reliquias S(anctorum) Martirum Sebastiani, Blasii, et Viti in eo inclusi / et singulis Christi fidelibus, hodie unum Annum, et in Die anni/versario consecretionis huiusmodi ipsum visitantibus quadraginta / Dies de vera indulgentia, in forma Ecclesi(a)e consueta, concessi = / Il cassettino è dentro d’un altro di lorda bianca sugellato sotto, e sopra con / fetucia cremise con cera di spagna sopra e sotto col sugello di S(ua) E(ccellenza) R(everendissi)ma, che / sugellò con proprii Mano, e travaglio inconsiderabile d(ello) Monsig(nore) in tal funzione / si fece una piccola reconoscienza di (onze) 40: ed (onze) 18: alla famiglia ed ’altre spesi / pelle croci e tutto il bisognevole alle sud(ette) Consacrazioni c(he) prescrive il Ponti/ficale / oox[7]

In tale occasione l’arcivescovo Moncada concesse l’uso dell’almuzia (o almuzio)[8] ai dodici cappellani delle tre rispettive chiese[9]. Tale concessione comporta di solito una spesa per i religiosi e una nota riporta il resoconto completo della spesa, per un totale di 114 onze:

oox Monsig(nor) arrivò sotto li 13. (dice)mbre 1746: partì alli 29. di d(etto ) mese, / nello stesso tempo concesse, a tutte tre le Chiese l’uso dell’Almuzio / alli 12: beneficiati d’ogni Chiesa, di due colori violace, foderato di rosso / e negro colla stessa fodera ambi di seta la spesa fù (per) tal concessione / onze cinquanta (per) S(santa) Maria, onze trentadue la n(ost)ra Chiesa, quali pagano li benif(iciari), / ed ’ onze trentadue S(an) Martino, e ciò fù à riguardo della spesa fatta pella / consecrazione, d’aver pagato meno di S(anta) Maria, la qual patente / d’Almuzio stà registrata in questo libro a fol(io) 211:[10] / Quando la n(ost)ra Chiesa è Madre l’Offizio della Dedicazione all’11: di Febbraio / si fa coll’ottava (per) tutte e tre le chiese, lo stesso milita (per) S(an) Martino [11].

NOTE

[1] Il domenicano Tommaso Moncada, di antica e nobile famiglia, fu arcivescovo di Messina dal 1743 al 1762 (anno della sua morte). Prima di essere nominato alla sede arcivescovile di Messina, aveva ricoperto la carica di Vicario Generale e quella di Vicario Capitolare. Il 20 settembre 1751 venne insediato Patriarca di Gerusalemme dei Latini.
[2] Parroco della chiesa di Santa Croce di Nicosia e canonico decano di quella di Santa Maria. Fu Vicario Capitolare della diocesi di Messina per i paesi interni, durante l’epidemia di peste che colpì la Diocesi nel 1743. Morì nel 1751. (BERITELLI G., Notizie storiche di Nicosia, Palermo, Stamperia di Giovanni Pedone, 1852, p. 212.
[3] Ringrazio con stima padre Gabriele Aiola per la disponibilità e la cortesia usatami nel concedermi la consultazione dell’Archivio parrocchiale della chiesa di San Nicola.
[4] Ora Italica.
[5] La discordanza tra anno e indizione (X in luogo della IX) è dovuta ad un errore.
[6] Pergamena.
[7] Archivio della chiesa di San Nicola, Libro rosso, ff. 236v, 237r. Documento inedito. Per la trascrizione del testo del documento in generale non siamo intervenuti sulle scelte testuali, riproducendo di norma l’effettiva situazione del testo, rispettando rigorosamente scempiamenti e raddoppiamenti. La j è trascritta i; le abbreviazioni sono sempre sciolte tra parentesi tonde ( ); l’integrazione di lacuna è stata posta tra parentesi quadre [ ]. Si è inserita una barra obliqua / per segnalare la fine di ogni riga.
[8] Mantellina in pelliccia con cappuccio, che costituiva l’abito corale distintivo dei canonici di alcune cattedrali o collegiate.
[9] Grazie all’atto di concessione del beneficio conosciamo i nomi dei dodici cappellani della chiesa di San Nicola: reverendo don Giuseppe Bramonte, don Antonio Botta, don Giovanni Castiglione, don Pietro Rotelli, don Carmelo Romeo, don Paolino Tetto, don Franesco Orlando, don Pietro Parisi, don Prospero Xiandro, clerico don Francesco Romeo, don Sebastiano Germanà e don Vincenzo Varrica. Ivi, f. 210r.
[10] Antica numerazione.
[11] Ivi, f. 237v. Documento inedito.

Pubblicato in Accadde oggi, Storia | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Accadde oggi 20 novembre

Il 20 novembre 1645 – 374 anni fa – sul fianco settentrionale dell’Etna, si aprì una nuova bocca eruttiva nei pressi del cono avventizio detto Monte Santa Maria (1632 m) (fig. 1),

DSC00195 Figura 1: L’Etna e il Monte Santa Maria (2007)

sopra la “sciara”[1] formatasi durante l’eruzione del 1614-24 (fig. 2), «una tra le più importanti eruzioni storiche dell’Etna per la sua durata, per il volume di lave emesse (circa un miliardo di metri cubi) e per la sua area ricoperta (circa 21 Km2[2].

IMG_20191119_122223 Figura 2: Particolare del Monte Santa Maria e della lava del 1614-24

La notizia dell’evento venne registrata ad futura memoria nel Libro rosso della chiesa di San Martino da don Pietro Antonio Paccione, cappellano della chiesa, con queste parole:

«Nell’anno 1645 XIIII ind(izion)e a 20 di q(ues)ta vigilia / della Presentazione della Madonna[3] scassao la mo(n)tagna / di Mo(n)gibello sopra lo mo(n)te che chiamano di S(an)ta / Maria sopra la xiara che calao l’anno 1614 / quali scasao la vigilia di Santa Maria di Giesu / alli primo di Giugnetto di d(etto) anno 1614 et q(ue)sto / ad futura(m) rei memoria(m) facta est pro me d(on) Petri / Ant(onio) Paciuni uno delli Capellani della Collegiata / chiesa di S(anto) Martino ad p(rae)s(en)te matrice di q(ue)sta / c(ittà) di Randazzo essendo Archip(resbiteri) d(on) Geronimo Roggeri / et vic(ario) do(n) Vito la Ma(n)na, cap(ellani) Geronimo Scala Giu(ra)ti / Fe(r)dina(n)do Sa(n)tafe, … procuratori, Petro Cottanigra et /Antonino Dimiani, giudice criminali lo Damico …»[4]

NOTE

[1] Termine usato in Sicilia nella zona etnea per indicare gli accumuli di scorie vulcaniche che si formano sulla superficie o ai lati delle colate laviche.
[2] Le eruzioni storiche, Eruzione 1614-24, sito internet “Etna il vulcano”, <https://etnailvulcano.jimdo.com/viaggio-nel-tempo-1/le-eruzioni-storiche/l-eruzione-del-1614-24/>, agg. 2019.
[3] La Presentazione della Beata Vergine Maria, che ricorda la presentazione di Maria al Tempio di Gerusalemme, viene celebrata dalla Chiesa cattolica il 21 novembre di ogni anno.
[4] Archivio Chiesa di San Martino, Libro Rosso, vol.1, f. 136v. Documento inedito. Per la trascrizione del testo del documento in generale non siamo intervenuti sulle scelte testuali, riproducendo di norma l’effettiva situazione del testo, rispettando rigorosamente scempiamenti e raddoppiamenti. La j è trascritta i; le abbreviazioni sono sempre sciolte tra parentesi tonde ( ); si sono usati i tre puntini di sospensione … per la parte non decifrabile del documento. Si è inserita una barra obliqua / per segnalare la fine di ogni riga.

FONTI DELLE ILLUSTRAZIONI

Le fotografie, quando non specificato diversamente, sono state eseguite dall’autrice.

Figura 2: Particolare del Monte Santa Maria e della lava del 1614-24, tratto dalla carta Etna, Carrubba P., A piedi sull’Etna, Roma, Edizioni Iter, 1992.

Pubblicato in Accadde oggi, Storia | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Accadde oggi 18 ottobre

Il 18 ottobre del 1535 – 484 anni fa – Carlo V, imperatore del Sacro Romano Impero, reduce dalla vittoriosa impresa tunisina, fece il suo solenne ingresso in Randazzo, a cavallo del suo destriero bianco.

Anthony_Van_Dick_-_Ritratto_equestre_dell'imperatore_Carlo_V Figura 1: Firenze, Galleria degli Uffizi, Ritratto di Carlo V a cavallo, van Dyck, olio su tela, 1620 circa

Del suo passaggio in città rimane traccia in un documento del Libro rosso della chiesa di San Martino[1]:

«Die 18 octobris 1535: octave ind(ictioni)s
Sia noctu (et) manifesto ali posteri como nelo / supradicto tempo passao d(i) q(ui)sta chitati d(i) / Randatio la cesaria maiestà del imperaturi / n(ost)ro Carolo V° venendo cu(m) sum(m)a leticia (et) / triumpho havendo cu(m) la sua virtuti victori / d(i) Carthagini fedifraga (et) i(n) la ecclesia d(i) / Sancto Martino li fonti erano plini d(i) / aqua rossa (et) inanti li porti d(i)la predicta / ecclesia li foru facti certi arch(i) triu(m)phali / (et) tuti quisti cosi foru facti e(s)endo / aucturi et p(ro)curaturi lo venerabili / pres(bi)t(er)i Franchisco Purchello Valete»[2].

Il reverendo Plumari, parlando di tale evento, nel suo manoscritto Storia di Randazzo, riferisce che:

«Dai Manoscritti dè nostri Concittadini, si è venuto a capo di sapere, ch’Egli arrivò in questa nostra Patria nel Dì 18 ottobre di esso Anno 1535: Che la Porta della Città, pella quale entrò questo Augusto, nomata di S. Martino, fù apparata con più Archi trionfali; E che il Civico Magistrato, ch’era andato ad incontrarlo con tutta la Nobilità sino al Piano nomato Gurrita, arrivato, che fù al punto di dover entrare nella Città, gli presentò, dentro una Tazza di Argento, le Chiavi di tutte le Porte della Città. Accompagnato indi dalla così detta Nobile Cavalcata, e dal Popolo giulivo, entrò in // Città, cavalcando sù di un bianco destriero, ed andò ad albergare nell’ampio Real Palazzo, in cui erano soliti abitare gli altri Sovrani antecessori. Fin’oggi si osserva una Fenestra di esso Palazzo, che guarda la Tramontana, quale trovasi chiusa, e murata in venerazione di essersi dalla medesima affacciato il detto Imperatore. […] Dimorò in Randazzo questo Augusto Monarca per lo spazio di altri tre Giorni, avendo ascoltata la S. Messa ogni mattina in ciascuna delle tre Chiese Parrocchiali, celebrata dall’Arciprete di quella Staggione; Ed in questa occasione, avendo trovato indebolito dalla Vetustà l’antico Campanile della Parrocchia di S: Nicolò, quale sembrogli, che minacciava rovina, non approvando Ei, che si demolisse un monumento così pregevole dell’antichità, atteso che vantava l’Epoca di sua costruzione sin dall’Anno 448 […], stimò piuttosto di farlo fortificare con grosse Catene di ferro a spese dell’Eratio suo Imperiale; come fù eseguito».

palazzo relae QqG77 2

 

 

 

 

 

 

 

Figura 2: Randazzo, Palazzo Reale
Figura 3: Rilievo del prospetto del Palazzo Reale fatto realizzare dal reverendo Plumari

Ed aggiunge:

«Dicono pure i nostri Storici né loro Manoscritti, che allo scoprir, che fece esso Imperatore dal punto della // diruta Chiesa di Sto Elia, questa nostra Patria, disse à circostanti le seguenti parole: Come si appella questa Città con tre Torri? Indicando i Campanili delle tre Chiese Parrocchiali; a cui risposero così: Semprecchè la Parola Reale di V. Cesarea Maestà non deve andare indietro, è questa la Città di Randazzo, dalla Maestà Vostra, or ora onorata del Titolo di Città, al chè l’Imperatore soggiunse: Resta accordato»[3].

DSC01850Figura 4: La città di Randazzo vista da dove un tempo sorgeva la chiesa di Sant’Elia

Di questa breve ma memorabile visita rimangono anche alcune leggende, ancora vive nella memoria popolare locale.
Una leggenda racconta che l’imperatore Carlo V, compiaciuto per l’accoglienza e le ovazioni del popolo randazzese, mentre era affacciato ad una finestra del Palazzo Reale, pronunciò la leggendaria frase: “Todos caballeros” (Siate tutti cavalieri), che fu intrepretata dal popolo come elevazione dei randazzesi al rango di cavalieri. La stessa finestra, sembra sia stata protagonista muta di un altro evento leggendario. La tradizione narra, infatti, che l’Imperatore mentre era affacciato a quella finestra, scorse una giovane e bella fanciulla bionda, appartenente ad una famiglia nobile randazzese di origini normanne, della quale si infatuò perdutamente e, pare, che dalla loro unione nacque un figlio/a illeggittimo/a.
A ricordo del sbocciare di questo amore i poeti siciliani di allora, dedicarono la seguente quartina in lingua:

“E Carlu Quintu ti ‘ncurunau reggina / quannu passau intra la to’ Rannazzu / ti vossi ‘ntra lu sonnu ppi vicina / ccu illu ti purtau intra lu parazzu”[4] (Carlo Quinto ti incoronò regina / quando passò nella tua Randazzo / ti volle per vicina nel suo sonno / con lui ti portò dentro al palazzo).

NOTE

[1] Per la trascrizione del testo del documento in generale non siamo intervenuti sulle scelte testuali, riproducendo di norma l’effettiva situazione del testo, rispettando rigorosamente scempiamenti e raddoppiamenti. La j è trascritta i; le abbreviazioni sono sempre sciolte tra parentesi tonde ( ). Si è inserita una barra obliqua / per segnalare la fine di ogni riga.
[2] Archivio Chiesa di San Martino, Libro Rosso, vol.1, f. 149v.
[3] Plumari G., Storia di Randazzo trattata in seno ad alcuni cenni della Storia generale di Sicilia, voll. I-II, ms. del 1847-9, Biblioteca Comunale di Palermo, Qq G76-77, Vol. II, Libro VII, Cap. V, pp. 357-359.
[4] Agati S., Carlo V e la Sicilia: tra guerre, rivolte, fede e ragion di Stato, Maimone, 2009, p. 132.

FONTI ARCHIVISTICHE

ARCHIVIO CHIESA DI SAN MARTINO
Libro Rosso, vol.1.

FONTI BIBLIOGRAFICHE

AGATI S., Carlo V e la Sicilia: tra guerre, rivolte, fede e ragion di Stato, Maimone, 2009.

PLUMARI G., Storia di Randazzo trattata in seno ad alcuni cenni della Storia generale di Sicilia, voll. I-II, ms. del 1847-9, Biblioteca Comunale di Palermo, Qq G76-77.

FONTI DELLE ILLUSTRAZIONI

Le fotografie, quando non specificato diversamente, sono state eseguite dall’autrice.

Figura 1: Firenze, Galleria degli Uffizi, Ritratto di Carlo V a cavallo, Antoon van Dyck, olio su tela, 1620 circa, <https://it.wikipedia.org/wiki/File:Anthony_Van_Dick_-_Ritratto_equestre_dell%27imperatore_Carlo_V_-_Google_Art_Project.jpg>, agg. 2019.

Figura 2: Prospetto del Palazzo Reale in un rilievo fatto realizzare dal reverendo Plumari, tratto da Plumari G., Storia di Randazzo trattata in seno ad alcuni cenni della Storia generale di Sicilia, voll. I-II, ms. del 1847-9, Biblioteca Comunale di Palermo, Qq G76-77, Vol. II, Prospetto del Palazzo Reale, nel quale abitarono i Re Aragonesi nella Città di Randazzo. Per gentile concessione della Biblioteca comunale di Palermo, autorizzazione n. prot. 161121/ AREG del 29-02-2016.

Pubblicato in Accadde oggi, Storia | Contrassegnato , | Lascia un commento