Accadde oggi 18 ottobre

Il 18 ottobre del 1535 – 484 anni fa – Carlo V, imperatore del Sacro Romano Impero, reduce dalla vittoriosa impresa tunisina, fece il suo solenne ingresso in Randazzo, a cavallo del suo destriero bianco.

Anthony_Van_Dick_-_Ritratto_equestre_dell'imperatore_Carlo_V Figura 1: Firenze, Galleria degli Uffizi, Ritratto di Carlo V a cavallo, van Dyck, olio su tela, 1620 circa

Del suo passaggio in città rimane traccia in un documento del Libro rosso della chiesa di San Martino[1]:

«Die 18 octobris 1535: octave ind(ictioni)s
Sia noctu (et) manifesto ali posteri como nelo / supradicto tempo passao d(i) q(ui)sta chitati d(i) / Randatio la cesaria maiestà del imperaturi / n(ost)ro Carolo V° venendo cu(m) sum(m)a leticia (et) / triumpho havendo cu(m) la sua virtuti victori / d(i) Carthagini fedifraga (et) i(n) la ecclesia d(i) / Sancto Martino li fonti erano plini d(i) / aqua rossa (et) inanti li porti d(i)la predicta / ecclesia li foru facti certi arch(i) triu(m)phali / (et) tuti quisti cosi foru facti e(s)endo / aucturi et p(ro)curaturi lo venerabili / pres(bi)t(er)i Franchisco Purchello Valete»[2].

Il reverendo Plumari, parlando di tale evento, nel suo manoscritto Storia di Randazzo, riferisce che:

«Dai Manoscritti dè nostri Concittadini, si è venuto a capo di sapere, ch’Egli arrivò in questa nostra Patria nel Dì 18 ottobre di esso Anno 1535: Che la Porta della Città, pella quale entrò questo Augusto, nomata di S. Martino, fù apparata con più Archi trionfali; E che il Civico Magistrato, ch’era andato ad incontrarlo con tutta la Nobilità sino al Piano nomato Gurrita, arrivato, che fù al punto di dover entrare nella Città, gli presentò, dentro una Tazza di Argento, le Chiavi di tutte le Porte della Città. Accompagnato indi dalla così detta Nobile Cavalcata, e dal Popolo giulivo, entrò in // Città, cavalcando sù di un bianco destriero, ed andò ad albergare nell’ampio Real Palazzo, in cui erano soliti abitare gli altri Sovrani antecessori. Fin’oggi si osserva una Fenestra di esso Palazzo, che guarda la Tramontana, quale trovasi chiusa, e murata in venerazione di essersi dalla medesima affacciato il detto Imperatore. […] Dimorò in Randazzo questo Augusto Monarca per lo spazio di altri tre Giorni, avendo ascoltata la S. Messa ogni mattina in ciascuna delle tre Chiese Parrocchiali, celebrata dall’Arciprete di quella Staggione; Ed in questa occasione, avendo trovato indebolito dalla Vetustà l’antico Campanile della Parrocchia di S: Nicolò, quale sembrogli, che minacciava rovina, non approvando Ei, che si demolisse un monumento così pregevole dell’antichità, atteso che vantava l’Epoca di sua costruzione sin dall’Anno 448 […], stimò piuttosto di farlo fortificare con grosse Catene di ferro a spese dell’Eratio suo Imperiale; come fù eseguito».

palazzo relae QqG77 2

 

 

 

 

 

 

 

Figura 2: Randazzo, Palazzo Reale
Figura 3: Rilievo del prospetto del Palazzo Reale fatto realizzare dal reverendo Plumari

Ed aggiunge:

«Dicono pure i nostri Storici né loro Manoscritti, che allo scoprir, che fece esso Imperatore dal punto della // diruta Chiesa di Sto Elia, questa nostra Patria, disse à circostanti le seguenti parole: Come si appella questa Città con tre Torri? Indicando i Campanili delle tre Chiese Parrocchiali; a cui risposero così: Semprecchè la Parola Reale di V. Cesarea Maestà non deve andare indietro, è questa la Città di Randazzo, dalla Maestà Vostra, or ora onorata del Titolo di Città, al chè l’Imperatore soggiunse: Resta accordato»[3].

DSC01850Figura 4: La città di Randazzo vista da dove un tempo sorgeva la chiesa di Sant’Elia

Di questa breve ma memorabile visita rimangono anche alcune leggende, ancora vive nella memoria popolare locale.
Una leggenda racconta che l’imperatore Carlo V, compiaciuto per l’accoglienza e le ovazioni del popolo randazzese, mentre era affacciato ad una finestra del Palazzo Reale, pronunciò la leggendaria frase: “Todos caballeros” (Siate tutti cavalieri), che fu intrepretata dal popolo come elevazione dei randazzesi al rango di cavalieri. La stessa finestra, sembra sia stata protagonista muta di un altro evento leggendario. La tradizione narra, infatti, che l’Imperatore mentre era affacciato a quella finestra, scorse una giovane e bella fanciulla bionda, appartenente ad una famiglia nobile randazzese di origini normanne, della quale si infatuò perdutamente e, pare, che dalla loro unione nacque un figlio/a illeggittimo/a.
A ricordo del sbocciare di questo amore i poeti siciliani di allora, dedicarono la seguente quartina in lingua:

“E Carlu Quintu ti ‘ncurunau reggina / quannu passau intra la to’ Rannazzu / ti vossi ‘ntra lu sonnu ppi vicina / ccu illu ti purtau intra lu parazzu”[4] (Carlo Quinto ti incoronò regina / quando passò nella tua Randazzo / ti volle per vicina nel suo sonno / con lui ti portò dentro al palazzo).

NOTE

[1] Per la trascrizione del testo del documento in generale non siamo intervenuti sulle scelte testuali, riproducendo di norma l’effettiva situazione del testo, rispettando rigorosamente scempiamenti e raddoppiamenti. La j è trascritta i; le abbreviazioni sono sempre sciolte tra parentesi tonde ( ). Si è inserita una barra obliqua / per segnalare la fine di ogni riga.
[2] Archivio Chiesa di San Martino, Libro Rosso, vol.1, f. 149v.
[3] Plumari G., Storia di Randazzo trattata in seno ad alcuni cenni della Storia generale di Sicilia, voll. I-II, ms. del 1847-9, Biblioteca Comunale di Palermo, Qq G76-77, Vol. II, Libro VII, Cap. V, pp. 357-359.
[4] Agati S., Carlo V e la Sicilia: tra guerre, rivolte, fede e ragion di Stato, Maimone, 2009, p. 132.

FONTI ARCHIVISTICHE

ARCHIVIO CHIESA DI SAN MARTINO
Libro Rosso, vol.1.

FONTI BIBLIOGRAFICHE

AGATI S., Carlo V e la Sicilia: tra guerre, rivolte, fede e ragion di Stato, Maimone, 2009.

PLUMARI G., Storia di Randazzo trattata in seno ad alcuni cenni della Storia generale di Sicilia, voll. I-II, ms. del 1847-9, Biblioteca Comunale di Palermo, Qq G76-77.

FONTI DELLE ILLUSTRAZIONI

Le fotografie, quando non specificato diversamente, sono state eseguite dall’autrice.

Figura 1: Firenze, Galleria degli Uffizi, Ritratto di Carlo V a cavallo, Antoon van Dyck, olio su tela, 1620 circa, <https://it.wikipedia.org/wiki/File:Anthony_Van_Dick_-_Ritratto_equestre_dell%27imperatore_Carlo_V_-_Google_Art_Project.jpg>, agg. 2019.

Figura 2: Prospetto del Palazzo Reale in un rilievo fatto realizzare dal reverendo Plumari, tratto da Plumari G., Storia di Randazzo trattata in seno ad alcuni cenni della Storia generale di Sicilia, voll. I-II, ms. del 1847-9, Biblioteca Comunale di Palermo, Qq G76-77, Vol. II, Prospetto del Palazzo Reale, nel quale abitarono i Re Aragonesi nella Città di Randazzo. Per gentile concessione della Biblioteca comunale di Palermo, autorizzazione n. prot. 161121/ AREG del 29-02-2016.

Accadde oggi 18 ottobreultima modifica: 2019-10-18T09:05:46+02:00da angela-militi
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Accadde oggi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento